21.9.19

"Così il tempo festivo" tradotta in spagnolo da Diego Estévez



Vorrei ringraziare Diego Estévez, docente e letterato messicano, per la traduzione in una lingua che adoro, lo spagnolo, della mia poesia "Così il tempo festivo" scritta nell'agosto del 2019 alla quale è allegata una cartolina d'epoca da Loano.

Così il tempo festivo

Così il tempo festivo
Al centro dell’estate
Degli impegni furtivo
Non è altro che oblio
Rito villaggio così
Il tempo festivo è un
Rito di passaggio
Il riposo di Augusto
L’anello col domani
Il filtro l’aspettativa
L’opulenza delle ore
Così il tempo festivo
Assume in cielo senza
Trovare un lavoro crea
Una bolla è il decoro il
Gaudio imitato usurato
Il beccheggio e il rollìo
Il candito sullo schifìo

[Max Ponte]

***

Así el tiempo de fiesta

Así el tiempo de fiesta
Al centro del verano
Furtivo a los deberes
No es sino olvido
Rito popular así
El tiempo festivo es un
Rito de transición
El reposo de Augusto
El anudar con el mañana
El filtro la expectativa
La opulencia de las horas
Así el tiempo de fiesta
Se alza en el cielo sin
Hallar una tarea crea
Una burbuja es lo bello lo
Alegre imitado consumido
El vaivén lo ondulante
El confite sobre la mugre

[Max Ponte]



***

Diego Estévez è assistente in Letras Hispánicas presso Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM)







13.5.19

La comunità poetica al centro di un nuovo umanismo


Il poeta non è chiamato alla decorazione della pagina, alla competizione per la pubblicazione annuale, all’esaltazione di sé stesso, il poeta, mettendo a servizio le sue possibilità estetiche, di percezione del reale, come rabdomante, come sensitivo dei flussi più nascosti, più puliti e più torbidi, il poeta è chiamato ad un nuovo umanismo. Sarà l’umanismo dei maestri scomodi, “inattuali” e necessari, sarà ad esempio quello di Vittorio Alfieri e sarà quello di Pier Paolo Pasolini e sarà quello di Gramsci, sarà quello di chi, seppur nelle differenze, si è fatto portatore del ruolo dell’intellettuale nella società, contro ogni tirannide, per la verità, (dove per verità è da intendersi lo svelare o meglio il non nascondere della greca aletheia).
Il lavoro che fanno molti narratori e molti poeti non è diverso da quello dei venditori di pentole o materassi, con la differenza che essi vi aggiungono qualche ricamo a gonfiare il loro ego, noi desideriamo guardare oltre, accedere al potere della parola per scoprire o ri/scoprire i nervi del sentire singolo e della società, del nostro essere gettati sulla terra, del nostro esser calati in una storicità che non possiamo ignorare. La costituzione di reti, cenacoli e circoli poetici, può favorire la costruzione di una comunità, in grado di collocarsi al centro di un nuovo umanismo. Questa comunità sarà formata non solo dai poeti, ma da tutti coloro che con loro lavorano, lettori, editori, librai, operatori culturali. La comunità poetica si definirà così come una comunità di intellettuali in grado di affrontare il proprio tempo.
La realtà odierna della rassegna Poeticilibri a Torino alla Libreria Belgravia (arrivata all’undicesimo incontro), e altre esperienze comunitarie che ho promosso in questi anni, dalla rinascita delle scene di poetry slam, alla Street Poetry Parade del 2014 che ha visto un corteo di poeti attraversare Torino, sino ad arrivare alla visione di una dimensione pubblico-privata come quella Casa delle Arti “Alfredo D’Andrade”, tutto questo rientra in un lavoro per fare della poesia un mezzo di crescita personale e collettiva sul territorio. Citerei anche la raccolta Nutrimenti neoumanisti pubblicata in versione bilingue a cura della poetessa martinicana Suzanne Dracius che manifesta il nostro impegno per la questione migratoria. E parlerei anche del tour alfieriano con il poeta Andrea Laiolo. Il nostro paese ha bisogno di poeti e intellettuali, comodi o scomodi che siano, in grado di far sentire, far vedere, aprire questioni, porre dubbi e portare la nostra società a nuovi livelli di coscienza e responsabilità.

Max Ponte

In copertina: Libreria Belgravia con Poeticilibri, 12 maggio 2019